Natica raropunctata (Sassi, 1827)

Questa è una delle specie più comuni del Pliocene italiano, Natica raropunctata è il nuovo nome che sostituisce Natica tigrina, specie che da studi recenti (Pedriali in stampa) rimane esclusiva del Miocene, in questo modo il gruppo "Natica tigrina" del Pliocene comprende attualmente 3 specie: Natica raropunctata (Sassi, 1827), Natica undata Sacco, 1891(dotata di un funicolo molto più grosso e posto in basso, e Natica depressofuniculata Sacco, 1891, con funicolo assente. Una delle caratteristiche che rendono questo gruppo di specie inconfondibile è quella di avere, nella maggior parte dei casi, tracce dell'antica colorazione che può essere molto variabile. Federico Sacco, nel suo volume I Molluschi dei Terreni Terziarii del Piemonte e della Liguria (vedi Bibliografia) descrive ben 24 varietà, tutte differenti o per colorazione, o per forma. Da queste specie, attraverso le pleistoceniche Natica sulcooperculata Ruggieri, 1949 e Natica pauciplicata Ruggieri, 1949, si è poi evoluta probabilmente l'attuale Natica stercumuscarium Gmelin, 1791 vivente nei fondali sabbiosi e fangosi del Mar Mediterraneo e ovunque molto comune. A destra e a sinistra 2 varietà di colorazioni : N. raropunctata fulgaropunctata Sacco ( a ds.) e N. fulgaropunctata laxepunctata Cerulli Irelli ( a sin.) entrambe provenienti dal Pliocene del bolognese.

. 

 HOME

Create by Brunetti Mauro

Torna a Gasteropodi

Hosting by WebRing.