BINARIO 1

Rivista telematica di Peter Patti

Segnalata nel libro di Albert Borowitz Terrorism for Self-glorification: The Herostratos Syndrome


                                ASSALTO A BABILONIA

NY in fiamme

  NEW YORK IN FIAMME!

"Die Welt ist eine Pulverfabrik,                                    "Il mondo è una polveriera
in der das Rauchen nicht verboten ist."                           in cui fumare non è vietato."
Friedrich Dürrenmatt (1921 - 1990)

     
"E' una follia. Ci sono detriti e polvere ovunque. E' come se ci fosse stata un'eruzione di un vulcano." Manhattan dopo la catastrofe: sembra di essere stati catapultati dentro un film di fantascienza. Manhattan, la Manhattan dei grattacieli e degli uffici, quest'oggi è paralizzata.
Sono le 8,56 - ora locale - quando un aereo di linea va a schiantarsi contro una delle torri gemelle del World Trade Center, provocandovi un enorme squarcio. Le telecamere delle maggiori emittenti TV sono tutte puntate sull'edificio e i cronisti ancora si stanno chiedendo cosa sia accaduto quando, alle 9,15, con una manovra spettacolare un secondo aereoplano "sperona" l'altra torre. A Washington vengono evacuati la Casa Bianca e il Ministero degli Esteri. Alle 9,53 un aereo precipita sul Pentagono. Tutti i voli vengono sospesi, gli aeroporti chiusi.

Nel WTC lavoravano 50.000 persone. Il complesso architettonico ospitava negozi, uffici, ristoranti, filiali di aziende internazionali... Ogni giorno veniva visitato da decine di migliaia di persone.
Comprendeva sette edifici, tra i quali One e Two World Trade Center (ovvero le Twin Towers). Del complesso facevano parte anche il Marriott Hotel (22 piani) e l'U.S. Customhouse (dogana degli Stati Uniti; 8 piani).
Avevano sede nelle Twin Towers l'Autorità Portuale di New York e del New Jersey (uffici al 67simo e 68simo piano), la compagnia di assicurazioni Empire Blue and Cross Blue Shield (occupava dieci piani) e la Sun Microsystems (due piani). Altri due piani erano occupati da Dow Jones Markets (una compagnia di ricerca e monitoraggio del mercato economico) e quattro dall'Oppenheimer Funds Inc.
C'era inoltre una settantina tra negozi e ristoranti. Il Windows On The World, in cima a una delle due torri, era naturalmente visitatissimo.

10,05: dopo diverse esplosioni, crolla la torre colpita dal secondo aereo. 10,28: si disintegra anche la torre superstite...
                                                                      

Le due città verticali sulla punta di Manatthan erano state disegnate nel 1973 da un giapponese, Minoru Yamasaki. Allora Yamasaki assicurò che l'intero complesso avrebbe resistito all'eventuale urto di un aereo passeggeri. In effetti, martedì 11 settembre non è stato l'urto a distruggere le torri del World Trade Center, ma il fuoco e le esplosioni.
                                                                    


           
17,25: simile a una costruzione di sabbia, si abbatte su se stesso anche il "World Trade Center 7", un grattacielo di 47 piani contiguo alle Twin Towers.

Edifici di grosse dimensioni diventano sempre più bersagli di sabotaggi. Nell'estate del 2000 un misterioso incendio si era sviluppato in cima alla torre televisiva di Ostankino, a Mosca: una struttura di 540 metri che, dopo settimane di lavoro, poté essere salvata grazie all'impiego di molte risorse e con la perdita di alcune vite umane.
            
    Torre nord         crolloa.jpg (18793 bytes)

           "Solo, solo e contento, in fondo al pozzodiluce.
                 Fame di pancia, fame di testa. Qualche alloro.
                 Ma non per questo le torricase della tua città
                 si stagliano più dritte all'orizzonte."

                                  Da: Le notti di Galilei, di Peter Patti

crolloa-b.jpg (26337 bytes)

                                                                                                                              
       Indice                                                                                      Chi sono i responsabili?
                                              

indice

FAMOSE TORRI
Piccolo excursus nella historia di grattacieli et casetorri

ASSALTO A BABILONIA
New York in fiamme!

TALEBANI, PALESTINESI O...?
ovvero: chi ha colpito il cuore della moderna civiltà?


PEPPINO IMPASTATO

link(s)
L'ARREMBAGGIO
Berlusconi,
Bossi, il vertice del G 8 e altre storie incredibili

Hosting by WebRing.